mercoledì 30 aprile 2014

Vin Santo Trentino

Vino santo trentino, identificata una difesa naturale dalla botrite
Il Vino santo trentino potrà diventare un prodotto ancora più sostenibile grazie al risultato di una sperimentazione condotta dalla Fondazione Edmund Mach

I risultati della sperimentazione sono stati pubblicati in questi giorni sulla rivista scientifica “European Food Research and Technology”, che ha valutato la potenziale applicazione di microrganismi isolati da uve di Nosiola, poste in appassimento per la produzione di Vino santo trentino, come agenti naturali di bio-controllo per fronteggiare alcune avversità dell’uva, come la Botrite.

L’evoluzione dei microrganismi in aiuto della qualità delle produzioni. Secondo gli esperti di San Michele l’applicazione di questi ceppi in fruttaio o in vigna, soprattutto nelle ultime fasi della maturazione, potrebbe contribuire a ridurre l’incidenza dei danni da Botrite quando i comuni trattamenti anticrittogamici non sono più praticabili. La sperimentazione è stata condotta da Raffaele Guzzon e Roberto Larcher del Centro di Trasferimento Tecnologico in collaborazione con Elena Franciosi del Centro di Ricerca e Innovazione. “L’idea che ha guidato la sperimentazione –spiega Guzzon- è che microrganismi che siano cresciuti in un ambiente dove comunemente è presente Botrytis cinerea, sebbene in forma di “muffa nobile” si siano evoluti attivando dei meccanismi di autodifesa e inibizione verso questa muffa, utili per prevenirne lo sviluppo in contesti dovela Botrite rappresenti un rischio per la qualità delle produzioni”.

Uve di Nosiola, fonte di biodiversità. Il lavoro è stato svolto in collaborazione con quattro cantine trentine che hanno fornito le uve nel 2010 ed ha previsto la caratterizzazione molecolare e fisiologica della microflora isolata sulle uve in appassimento, giungendo all’identificazione di alcuni ceppi di lievito con una potenziale attività di bio controllo controla Botrite.Ne deriva che le uve tradizionali, comela Nosiola destinata alla produzione di vin santo trentino, rappresentano una interessante fonte di biodiversità le cui possibili applicazioni appaiono ad oggi promettenti e quanto mai attuali. I numeri della sperimentazione: cantine coinvolte: 4; Campioni di uve analizzati: 40; Durata ricerca: 3 anni; Microorganismi identificati e testati come agenti di bio controllo: 19; Ricercatori e tecnici coinvolti: 6. Pubblicazione scientifica, titolo e autori: European Food Research and Technology, “A new resource from traditional wines: characterisation of the microbiota of “Vino Santo” grapes as a biocontrol agent against Botrytis cinerea”, Guzzon, R.; Franciosi, E.; Larcher, R. Research and Innovation Centre (2011-). Food Quality and Nutrition Department Technology Transfer Centre. Experiment and Technological Services Department (2012-)



Asian Media

Giovanni Rosso Barolo DOCG Cerretta 2008

Guest writer Chek Wong, associate member of the Institute of Wines and Spirits, contributed his thoughts on a number of Italian Barolos from Giovanni Rosso writing on Singapore’s Local Nose.

The Giovanni Rosso winery is located in the village of Serralunga d’Alba in north west Italy where owner and winemaker Davide Rosso typically bottles two single-vineyard wines from his vineyards in Ceretta and La Serra.

Of this 2008 vintage he said: “The Cerretta vineyard has a thicket of trees at its base, which acts as a windbreak. It is located 360m above sea level, with calcareous clay or marl soils, producing wines that Davide describes as feminine. Aged in 25 hl Fontainebleau oak for 36 months.

“The 08′ has a medium ruby robe with an orange rim (characteristic of Nebbiolo), showing notes of balsamic and violets on the nose. The palate has small red berries with dense, sinewy tannins. Alcohol is noticeable but integrated. An extraordinary length. Feminine perhaps, but more G.I. Jane than Anne Hathaway.”

Giovanni Rosso Barolo DOCG Vigna Rionda “Ester Canale” 2012

The limited Tommaso Canale collection comes from vines planted in the family’s Vigna Rionda vineyard by Davide Rosso’s grandfather, Amelio Canale, and his father, Aldo Canale, not long after World War II.

Of this 2012 Barolo Wong said: “A barrel sample of a production that runs only to 150 cases a year (less than DRC, jokes Davide). 2012 was described as a vintage of balance between acidity, fruit and colour. Intensely floral and perfumed on the nose, but brooding and closed on the palate, shielded behind a thick wall of tannins.

“Still very early in its development, showing lots of dark fruit and a savoury, umami character. Prepare to wait at least a decade for this flower to blossom.”

Giovanni Rosso Barolo DOCG La Serra 2009

The Piemontese region of Barolo is known for producing some of Italy’s finest red from the esteemed Nebbiolo grape. By law, Barolo must be aged for a minimum of three years with at least two in barrel. 

Of this Barolo produced from Giovanni Rosso’s La Serra vineyard, Wong said: “La Serra is located at an elevation of 378m above sea level, where the soil is most calcareous.

“A pronounced nose, floral with intense notes of violets, cotton blossom, and red plums. Impressively fresh and pure, with chewy tannins and light vanilla spice on the palate. Finishes clean and long.”

Rocca di Montegrossi Rosato IGT Toscana 2012

Sarah Wong, writing in the South China Morning Post, highlighted a number of wines from the Rocca di Montegrossi in Italy. The family of its current owner, Marco Ricasoli, has been making wine for more than 800 years.

Of the 2012 Rosato IGT Toscana Wong said: “Rosé wines can be hit and miss affairs. But this Tuscan rosé is refreshing, dry and crisp, and perfect for a lazy summer’s day in Tuscany. Made from the signature variety Sangiovese, with a small component of Canaiolo and Merlot. An attractive, bronze-coloured wine. Fresh strawberry, raspberry and floral notes. Medium body with crisp acidity. Easy to drink. Enjoy on its own or with seafood and cold meat.”

Rocca di Montegrossi Chianti Classico DOCG 2011

Of the winery’s Chianti Classico, Wong said: “Made from a blend of Sangiovese, Canaiolo and Colorino. Cherry, licorice and some savoury notes. Elegant and well-balanced with fresh acidity and ripe, well integrated tannins. A modern, approachable wine with a focus on lovely summer fruits.”

Rocca di Montegrossi Vin Santo del Chianti Classico DOC 2004

Sold in half bottles, the origins of Rocca di Montegrossi’s sweet Vin Santo, or holy wine, are said to stretch back to the Middle Ages. 

Wong said: “At Montegrossi, only 2,500 half-bottles are made. Ricasoli says that there are no financial benefits from producing this. A beautiful amber-coloured wine. Honeyed, dried fruits and toffee. Rich, and unctuous on the palate with concentrated fruit. Goes well with crème brûlée, blue cheese and braised dongpo.”


Masseria Li Veli Valle d’Itria Verdeca

Jon Bonné, writing in the San Francisco Chronicle, rounded up 20 wines for under $20 this week including this Italian Verdeca – “a native Italian grape, returned to respectability.”

She said: “In 1999, the Falvo family of Tuscany’s Avignonesi launched Li Veli, restoring a 19th century property all the way down in Puglia. Most of Li Veli’s fare is standard for the heel of the boot – Negroamaro, Primitivo – but their Askos project aims to revive Salento’s traditional grapes.

“Verdeca is just that, often used for blending but on its own possessing a mix of exoticism – ripe honeydew, turmeric, gardenia – and a flinty, briny kick.” 

Price: $16

Montesecondo Toscana Rosso, Tuscany

Another of Bonné’s under $20 wine recommendations was for this Tuscan red, which he said had “all the joys of Chianti, without the name.”

He said: “In the late 1990s, Silvio and Catalina Messana returned from New York to his family’s land in Tuscany. They began farming, eventually using biodynamics, to make great Chianti. But no Old World bias here: The Messanas also planted Merlot and Cabernet (their Rosso del Rospo is a fine example of the latter grape).

“This Rosso came about because one of their blends, a standard mix of Sangiovese and Canaiolo, was denied the official Chianti designation. No matter. Here’s a hybrid of old and new Tuscany; the Rosso is Chianti in all but name, exuding candied cherry, juniper and toasted rye seed. What great Chianti used to taste like.”

Notte Italiana Prosecco

If bubbles are more your thing then this kosher Prosecco will be perfect for Passover, as recommended by McIntyre.

He said: “This is a fantastic Prosecco, adding a celebratory air to any occasion with its bubbles and oh-so-slightly-sweet, juicy fruit palette of flavors.”

Price: $17

2011 Filieri Cannonau di Sardegna

Michael Dresser recommended this Italian Grenache as his “wine find” writing in The Baltimore Sun this week. 

He said: “This deep, earthy red wine from Sardinia is delightfully distinctive. It’s a full-bodied, plummy, spicy wine with hints of black pepper, Mexican chocolate sauce (mole) and pine resin. It’s an excellent value for the price and is very drinkable now.”

“Serve with pasta with red sauce, osso buco”

Price: $13

Masseria Li Veli Valle d’Itria Verdeca IGT, Puglia

Wes Marshall, writing in the Austin Chronicle, said this Italian blend of Verdeca and Fiano Minutolo, brand-new to the market, was “no wimpy wine”. 

He said: “There are so many wines from Italy that you could spend your whole life tasting and never get through them all. Dalla Terra is one company that seems intent on discovering the tiniest small-production vineyards, especially those that focus on the most obscure grapes the country has to offer.

“One of their brightest stars is Masseria Li Veli, a winery that focuses on grapes from the boot heel of Italy. The owners describe their winemaking mission “with the aim of selecting long-forgotten indigenous varietals for making new wines, with the highest standard of quality in viticulture and winemaking. Talk is cheap, but when I opened this bottle of Verdecca, I was simply amazed. It is a blend of Verdeca (90%) and Fiano Minutolo (10%) grown in the Valle d’Itria.

“The color is a densely beautiful gold. This is no wimpy wine. We had it at dinner along with a friend from the Italian wine business who had never heard of it, just to give you an idea how obscure it is. We paired it with roasted sea bass on a bed of sweet onions and fennel and the combination was perfect.”

Feudo Principi di Butera Insolia 2011

Rebecca Murphy, writing in The Dallas News, recommended this Sicilian white made from the Inzolia grape. 

She said: “The grape Inzolia, sometimes spelled Insolia, is considered to be a native of Sicily, where it is often used in white wine blends as well as the fortified Marsala wine. Here it is quite refreshing and zesty, with bright lemony fruit and floral, nutty and herbal notes. It is light bodied, with crisp, citrusy acidity, perfect for grilled shellfish or a scallop cerviche. It’s available at Jimmy’s Food Store and Pogo’s. Feudo Principi di Butera is owned by the Zonin family, along with 11 estates in seven other wine regions of Italy and Barboursville Vineyards in Virginia. The family counts its involvement with wine from 1821. Domenico Zonin, born in the late 1800s, began planting vineyards on his family’s land and founded Casa Vinicola Zonin in 1921. Today the company is run by Gianni Zonin with his sons Domenico, Francesco and Michele.

Price: $15.99-$17.99

2010 Luna di Luna Pinot Grigio delle Venezie

Finally Gil Lempert-Schwarz, writing in The Las Vegas Review Journal, recommended this “crisp and softly acidic” Pinot Grigio – a bargain at just $3.99. 

He said: “Luna di Luna Pinot Grigio is a fine pale citrine color with a clear, bright core going out into a translucent and lightly greenish-tinted edge and clear rim definition with medium viscosity.

“On the nose: The wine has a lovely white fruit fragrance right off the bat with a sort of hypothetical white cran-raspberry and green honeydew melon melange, then pear skin and light citrus notes and finally a supple minerality underlying.

“On the palate: It is a crisp and softly acidic wine with excellent white fruit delineation and sweetish underlying citrus and pear and apple sauce character. There’s excellent balance in this wine, fluidly mixing the acidity with the fruit and the citricity through the midpalate and into a nicely lingering finish that should satisfy even the savviest of tastes.”

Price: $3.99


2013 Terlaner Classico, Cantina Terlaner, Alto Adige

His third choice was this white blend from Italy made predominantly from Pinot Bianco, Chardonnay and Sauvignon Blanc.

He said: “Founded in the late 19th century, Terlaner focuses purely on quality and wines for the cellar and is one of the finest producers in Alto Adige. In the 2013 Classico ripe pears, spice and cream combine to produce a wine of power and interest.”

Price: £14.99, AG Wines

Aldi The Exquisite Collection Gavi 2013

David Williams, writing in The Observer, recommended a selection of “unusual Italian wines” this week, including this “creditable cheapie” from supermarket Aldi. 

He said: “I once enjoyed a similar dish to Claudia’s octopus salad in a restaurant in Genoa: the consolation for a missed train and a difficult day. The wine, inevitably for this part of the world, was from Gavi, 30 miles inland – a typically lemon-skin scented and lemon-juice tangy dry white made from the Cortese grape.

“Gavi can be fabulously flowing, textured and mineral (like La Guistiana Gavi di Gavi Montessora 2012; £22.30, Aldi’s creditable cheapie is rather less complex, but it’s richer than you’d expect and does a good job of providing a dry and citric condiment for octopus and other seafood.”

Price: £5.29

Friuli Sauvignon Blanc 2013 Arrigo Bidoli

Suzy Atkins, writing in The Telegraph, picked a number of Sauvignon Blancs which she said was a variety which had suffered something of a “backlash” in recent years with “pungent, very sour” Sauvignons falling out of favour. However, as Atkins explains, there are many Sauvignons offering a “better balance”. Of this Italian Sauvignon she said: “More floral on the scent and with a grassy edge, but this is married with enough tangy lemon and lime fruit. Makes a good apéritif.”

Price: Marks & Spencer, £8.99

2013 Gavi, Araldica, Piemonte

Matthew Jukes, writing in The Daily Mail, picked a “perfectly balanced” selection of three red and three whites to try this week, including this “crunchy” Italian white. He said: “While this is not the most accurate, flavour-wise, Gavi I have tasted, at eight pounds this is a lovely, crunchy, Italian white with a stylish palate and a delicious, lip-smacking finish. Take advantage of the deal and load up – this is a superb wine for summer parties, assuming the sun keeps up its appearances from behind the clouds!”

Price: £9.99, reduced to £7.99 each if you buy two bottles, until 28 April, Majestic.

2012 Verdicchio di Matelica, La Monacesca, Marche

Jukes also recommended this Verdicchio, also from Italy, which he said had the finesse of a Premier Cru ChaBlis for half the price. He said: “A little richer and more structured than many Verdicchios, this is a beautiful, greengage and honeysuckle-scented white with a lovely texture and oodles of class. I always compare this famous style of Italian wine to Chablis, but this particular version has the finesse of a Premier Cru Chablis, for half the price!”

Price: £10.99, Waitrose

martedì 29 aprile 2014

"The World's 50 Best Restaurants"


L'Italia è rappresentata da tre insegne: Osteria Francescana, Piazza Duomo, Le Calandre

  • L'Osteria Francescana di Modena mantiene saldo il terzo posto per il secondo anno consecutivo
  • Piazza Duomo di Alba, migliora la posizione conquistata nel 2013 e sale dal 41° al 39°posto 
  • Le Calandre, Rubano, da nove edizioni in classifica, passa dalla posizione 27 alla 46
  • Fuori dalla rosa dei magnifici 50 il di Rivoli che scende dalla 40° alla 51°posizione 


Lunedì 28 aprile a Londra, il ristorante danese Noma diretto dallo chef di origine macedone Rene Redzepi, ha riconquistato la vetta del "The World's 50 Best Restaurants" sponsorizzata da S.Pellegrino e Acqua Panna. E' accaduto dopo nove anni di presenza in classifica e tre vittorie consecutive nel 2010, 2011 e 2012. Al secondo posto El Celler de Can Roca di Girona (Spagna) giunto primo lo scorso anno e, al terzo, l'Osteria Francescana (Modena) di Massimo Bottura. 

I risultati sono stati resi noti di fronte a una platea di oltre 700 ospiti internazionali che si sono dati appuntamento alla Guildhall, suggestiva costruziuone gotica nel cuore di Londra, in cui si celebra da anni un evento considerato uno dei momenti più attesi del calendario gastronomico mondiale.

L’Italia difende tre posizioni in classifica conservando il terzo posto per il secondo anno consecutivo ma non senza qualche delusione. Se Piazza Duomo migliora la propria posizione salendo dal 41° al 39° posto, Le Calandre di Rubano - da nove edizioni in classifica - scende dalla posizione 27 alla 46 mentre esce dalla rosa dei magnifici 50 Il di Davide Scabin che passa dal 40° al 51° posto.

La Spagna (così come gli Stati Uniti) mantiene la leadership in classifica con sette ristoranti, tre dei quali nella top ten: oltre Al Celler troviamo Mugaritz al 6° posto e Arzak all' 8°. Azurmendi a Larrabetzu, nei pressi di Bilbao, debutta in 26°posizione confermando la vivacità gastrononica dei Paesi Baschi.

Con sette ristoranti in classifica generale, di cui due nella top ten, gli Stati Uniti, fiancheggiano la Spagna e la Francia con il più alto numero di insegne nella rosa dei primi 50. Eleven Madison Park a New York sale di un posto, al n.4, conquistando il titolo di miglior ristorante in America del Nord. Un altro titolo conquistato dagli Stati Uniti è il One To Watch, vinto da Saison, a San Francisco. Il One To Watch del 2013, The Test Kitchen in Sudafrica, entra in classifica in 48° posizione.

Per la prima volta, il Regno Unito conquista due posizioni all'interno della top ten con Dinner di Heston Blumenthal - 5°, con un balzo di due posizioni rispetto al 2013 - e The Ledbury di Brett Graham al n.10 (+ 3 posizioni rispetto al 2013 ). Il Diners Club ® Lifetime Achievement Award è stato assegnato quest'anno a Fergus Henderson del ristorante St.John di Londra, un riconoscimento che premia il contributo che questa insegna ha dato all'identità culinaria britannica.

La Francia vanta cinque ristoranti in classifica con il Mirazur di Mauro Colagreco, a Mentone, che risale dal 17° posto all'11°.

Il Sud America festeggia con Mani di Helena Rizzo che sale di 10 posti fino al n.36 e con Helena che ottiene il premio come migliore donna chef del mondo.
D.O.M di Alex Atala, a San Paolo, scende dalla sesta alla settima posizione confermandosi miglior ristorante del Sud America.
Atala riceve quest'anno anche lo Chef's Choice Award, premio particolarmente significativo poichè deriva dalle votazioni di tutti gli chef in classifica.
The Highest Climber Award, il premio dedicato al ristorante che realizza la migliore "scalata" in classifica va al Central di Lima (Peru) che conquista la 15° posizione, risalendo la classifica di ben 35 posizioni rispetto al 2013 !

Il ristorante Nahm di Bangkok conquista il premio come miglior ristorante asiatico e si posiziona in 13° posizione . Gaggan, anch’esso a Bangkok, è 17° e ottiene The Highest New Entry Award, riconoscimento che premia la migliore new entry in classifica.

The World's Best Restaurants è organizzato dal 2003 dalla rivista inglese Restaurant ed é presentato in collaborazione con i più influenti ristoratori del mondo, i migliori chef e media internazionali.
William Drew, Editor di Restaurant ha dichiarato: "Siamo entusiasti di aver accolto ancora una volta i migliori chef del mondo a Londra per una notte di vera festa . È emozionante riuscire a valorizzare la forza dei più grandi talenti gastronomici in fermento in tutto il mondo.Lo stimolo per raggiungere nuove vette gastronomiche continua a crescere e siamo onorati di giocare un ruolo in questo processo."

Come funziona la classifica ?
La classifica viene stilata ogni anno da un influente gruppo di oltre 900 leader internazionali nel settore della ristorazione. Tale gruppo fa riferimento a 26 distinte regioni del mondo, ognuna delle quali conta 36 membri ciascuno dei quali disporre di sette voti. Di questi sette, almeno tre devono essere desinati a ristoranti al di fuori della regione di appartenenza del membro votante. Il panel in ogni regione è costituito da critici gastronomici, chef, ristoratori e gastronomi scelti per la loro visione ed esperienza internazionale . I votanti elencano le proprie scelte in ordine di preferenza, basata sull'esperienza nei ristoranti di tutto il mondo visitati nei 18 mesi precedenti il voto. Non esiste una lista di criteri predeterminata. Il giudizio fa riferimento a ciò che il ristorante sa esprimenre a 360° gradi in termini servizio, accoglienza, ambiente, filosofia di cucina. 

La classifica da 1 a 100

100 Jaan Singapore +65 6837 3322
99 Ishikawa Tokyo, Japan +81 3 5225 0173
98 Jean Georges New York, USA +1 212 299 3900
97 Bo Innovation Hong Kong, China +852 2850 8371
96 Landhaus Bacher Mautern, Austria +43 2732 82937
95 Malabar Lima, Peru +51 1 440 5200
94 Restaurant Diverxo Madrid, Spain +34 915 70 07 66
93 Marea New York, USA +1 212 582 5100
92 Pierre Gagnaire Paris, France +33 1 58 36 12 50
91 Boragó Santiago, Chile +56 2224 8278
90 Dal Pescatore Canneto Sull’oglio, Italy +39 0376 723 001
89 Taubenkobel Schutzen, Austria +43 2684 2297
88 L’Epicure Paris, France +33 1 53 43 43 40
87 The Clove Club London, UK +44 207 729 6496
86 Les Amis Singapore +65 6733 2225
85 Caprice Hong Kong +852 3196 8888
84 Iggy’s Singapore +65 6732 2234
83 Die Schwarzwaldstube Baiersbronn, Germany +49 7442 492665
82 La Grenouillere La Madelaine sous Montreuil, France +33 3 21 06 07 22
81 La Petite Maison Dubai, UAE +971 4 439 0505
80 Restaurant at Meadowood St Helena, USA +1 707 531 4788
79 Maaemo Oslo, Norway +47 919 94 805
78 Tim Raue Berlin, Germany +49 30 2593 7930
77 Zuma Dubai, UAE +971 4 425 5660
76 Mr & Mrs Bund Shanghai, China +86 21 6323 9898
75 Alain Ducasse au Plaza Athénée Paris, France + 33 1 53 67 65 00 plaza-
74 41 Grados Barcelona, Spain +34 696 592 571
73 Bras Laguiole, France +33 5 65 51 18 20
72 The Tasting Room at Le Quartier Français Franschhoek, S.Africa +27 21 876 2151
71 White Rabbit Moscow, Russia +7 495 66 33 999
70 Momofuku Ko New York, USA +1 212 500 0831
69 Saison San Francisco, USA +1 415 828 7990
68 Nomad New York, USA +1 212 796 1500
67 8½ Otto E Mezzo Bombana Hong Kong, China +852 2537 8859
66 Lung King Heen Hong Kong, China +852 3196 8888
65 Hertog Jan Bruges, Belgium +32 50 67 34 46
64 Momofuku Ssäm Bar New York, USA +1 212 254 3500
63 Hedone London, UK +44 20 8747 0377
62 Manresa Los Gatos, California +1 408 354 4330
61 In De Wulf Dranouter, Belgium +32 57 44 55 67
60 Quay Sydney, Australia +61 2 9251 5600
59 Biko Mexico City, Mexico +52 55 5282 2064
58 Ultraviolet by Paul Pairet Shanghai, China +86 2161 425 198
57 Tickets Barcelona, Spain +34 932 92 42 53
56 Le Louis XV Monte Carlo, Monaco +377 98 06 88 64
55 St John London, UK +44 20 7251 0848
54 Blue Hill at Stone Barns Westchester, USA +1 914 366 9600
53 Relae Copenhagen, Denmark +45 36 96 66 09
52 Septime Paris, France +33 1 43 67 38 29
51 Combal.Zero Rivoli, Italy +39 011 956 5225  
50 Waku Ghin Singapore +65 6688 8507
49 Coi San Francisco, USA +1 415 393 9000
48 The Test Kitchen Cape Town, South Africa +27 21 447 2337
47 The Fat Duck Bray, UK +44 1628 580 333
46 Le Calandre Rubano, Italy +39 049 630 303
45 Hof Van Cleve Kruishoutem, Belgium +32 9 383 58 48
44 The French Laundry Yountville, USA +1 707 944 2380
43 Schloss Schauenstein Fürstenau, Switzerland +41 81 632 10 80
42 Geranium Copenhagen, Denmark +45 69 96 00 20
41 Quique Dacosta Dénia, Spain +34 965 784 179
40 Daniel New York, USA +1 212 288 0033
39 Piazza Duomo Alba, Italy +39 0173 366 167
38 L’Astrance Paris, France +33 1 40 50 84 40
37 Restaurant André Singapore +65 6534 8880
36 Mani São Paulo, Brazil +55 11 3085 4148
35 Martín Berasategui Lasarte-Oria, Spain +34 943 366 471
34 Asador Etxebarri Atxondo, Spain +34 946 58 30 42
33 Nihonryori RyuGin Tokyo, Japan +81 3 3423 8006
32 Attica Melbourne, Australia +61 3 9530 0111
31 L’Atelier SG de Joël Robuchon Paris, France +33 1 42 22 56 56
30 Per Se New York, USA +1 212 823 9335
29 De Librije Zwolle, Netherlands +31 38 421 20 83
28 Aqua Wolfsburg, Germany +49 5361 60 6056
27 Le Chateaubriand Paris, France +33 1 43 57 45 95
26 Azurmendi Larrabetzu, Spain +34 944 558 866
25 L’Arpège Paris, France +33 1 47 05 09 06
24 Amber Hong Kong, China +852 2132 0066
23 Restaurant Frantzén Stockholm, Sweden +46 08 20 85 80
22 Vila Joya Albufeira, Portugal +351 289 591 795
21 Le Bernardin New York, USA +1 212 554 1515
20 Pujol Mexico City, Mexico +52 55 5545 4111
19 Fäviken Järpen, Sweden +46 647 400 37
18 Astrid y Gastón Lima, Peru +51 1242 4422
17 Gaggan Bangkok, Thailand +66 2 652 1700
16 Steirereck Vienna, Austria +43 713 31 68
15 Central Lima, Peru +511 242 8515
14 Narisawa Tokyo, Japan +81 3 5785 0799
13 Nahm Bangkok, Thailand +66 2 625 3388
12 Vendôme Bergisch Gladbach, Germany +49 2204 42 906
11 Mirazur Menton, France +33 4 92 41 86 86
10 The Ledbury London, UK +44 207 792 9090
9 Alinea Chicago, USA +1 312 867 0110
8 Arzak San Sebastián, Spain +34 943 278 465
7 D.O.M. São Paulo, Brazil +55 11 3088 0761
6 Mugaritz San Sebastián, Spain +34 943 52 24 55
5 Dinner by Heston Blumenthal London, UK +44 207 201 3833
4 Eleven Madison Park New York, USA +1 212 889 0905
3 Osteria Francescana Modena, Italy +39 59 210 118
2 El Celler de Can Roca Girona, Spain +34 972 222 157
1 Noma Copenhagen, Denmark +45 3296 3297

Castelnuovo Magra: Benvenuto Vermentino

Benvenuto Vermentino nell’antico borgo in provincia de La Spezia dal 16 al 19 maggio. Eccellenze dei quattro territori di produzione: Liguria, Sardegna, Toscana e Corsica
Il vermentino in scena nelle dimore esclusive di Castelnuovo Magra (SP). Piatti tipici, degustazioni di vino e olio, visite al Museo multimediale e tanto altro ancora 

Le cantine e le dimore storiche, con più di 100 etichette vini da vitigno vermentino provenienti dai quattro territori di produzione (Liguria, Sardegna, Toscana e Corsica), nei palazzi più importanti del centro storico di Castelnuovo Magra (SP), tra eventi, laboratori del gusto, prodotti tipici, convegni e trekking tra i vigneti.

Questo, ed altro ancora, è la quinta edizione di “Benvenuto Vermentino” che torna a Castelnuovo Magra dal 16 al 19 maggio.

L’edizione di quest’anno si distingue per la particolare location scelta: nei giorni di sabato 17 e domenica 18 maggio i produttori di vermentino presenti alla manifestazione saranno ospitati negli atri e in alcune sale dei signorili palazzi settecenteschi che caratterizzano il Centro Storico di Castelnuovo Magra, in particolare Via Dante.

I proprietari dei palazzi hanno cortesemente raccolto la richiesta dell’Amministrazione comunale di “aprire” le storiche dimore, dando ai turisti la possibilità di assaggiare il Vermentino in una cornice di antico splendore.

Lungo via Dante si potrà passeggiare e, come ai “vecchi tempi”, accomodarsi nei salottini disposti all’esterno dei palazzi signorili, con la piacevole compagnia del Vermentino, gentilmente proposto dai produttori locali e di toscana, Sardegna e Corsica, accompagnato, come ogni anno, dai prodotti tipici locali.

Nel Giardino comunale poi saranno organizzate le degustazioni guidate e gli Wine tasting, eventi e presentazioni. Si potrà inoltre visitare il Museo multimediale del Vermentino dove effettuare un percorso rivolto ai territori del Vermentino, consultare il data base delle aziende, la guida multimediale e conoscere i territori e i produttori attraverso i video di presentazione. Un’edizione di Benvenuto Vermentino che mette in sintonia la storia e la tradizione con l’egastronomia di qualità e la tecnologia.

In Piazza Querciola è possibile ammirare le vestigia del Castello dei Vescovi di Luni e lì si troveranno gli spazi dedicati ai produttori di Olio extravergine d’Oliva del Territorio e dei prodotti tipici locali come miele, prosciutto Castelnovese, Lardo di Colonnata, formaggi e salumi della Val di Vara.

Nella Piazza sarà allestito il ristorante della Pro Loco che proporrà i piatti tipici della tradizione locale come sgabei, torte di verdura, muscoli ripieni, baccalà marinato, frittura mista, coniglio alla ligure e torta di riso.

Saranno, inoltre, numerose le iniziative organizzate per arricchire la manifestazione.

Degustazioni accompagnate da prodotti tipici locali, laboratori del gusto, wine tasting, convegni tematici, trekking tra i vigneti, visite guidate.

Come ogni anno sarà conferita l’onorificenza di Ambasciatore del Vermentino a un personaggio del mondo dello spettacolo, dello sport o dell’enogastronomia. Nelle edizioni precedenti sono stati “Ambasciatori del Vermentino” Adua Villa, Paola Ricas, giudice della trasmissione televisiva La prova del Cuoco, Davide Oldani, chef inventore della cucina pop, il velista Giovanni Soldini, l’allenatore della nazionale di calcio Marcello Lippi, il comico Gene Gnocchi.

Venerdì 16 maggio sarà organizzata una Cena Evento e proposti per l’occasione, piatti tipici in abbinamento al vermentino, presentati da enogastronomi e sommelier. Lunedì 19 maggio l’Enoteca Regionale della Liguria organizzerà un appuntamento ad hoc per operatori: ristoranti, enoteche, alberghi, strutture turistiche.

Info: - -

Comune di Castelnuovo Magra: Tel: 0187/693831 mail:


BeeRoma – La rassegna delle birre artigianali italiane e inglesi all'Aranciera di San Sisto
Italia e Inghilterra, in un amichevole confronto su un prodotto che nel nostro Paese è sempre più in espansione: la birra artigianale 

Se il fenomeno della “craft beer” inglese è noto da anni in tutto il mondo, nei nostri confini nazionali è attualmente in continuo fermento ed espansione. Perché, quindi, non creare un’occasione di scambio tra due nazioni così diverse sullo stesso “campo da gioco”? 

BeeRoma è questo: un appuntamento imperdibile dedicato alla birra artigianale e di qualità inglese e italiana. Storie, passione, cultura, ricercatezza e nuove possibilità economiche: due giorni (2-3 maggio) dedicati al mondo brassicolo dove esperti di settore, rappresentanti istituzionali, produttori, organizzatori e publican si riuniranno nella splendida location dell’Aranciera di San Sisto a Roma, per approfondire tutte le sfaccettature di un mercato sempre più attivo. 

Ci sarà una tavola rotonda (venerdì alle 15.30) per mettere in parallelo il mercato inglese e quello italiano, approfondendone le potenzialità economiche, la differente concezione del “bere birra” sempre più orientata alla qualità più che alla quantità, ma soprattutto ci sarà la possibilità di conoscere più da vicino le eccellenze italiane e inglesi in un contest ‘gestito e raccontato’ da alcuni dei migliori publican della Capitale. 

4:20, Barley Wine, Birra+, Birrifugio, Buskers, Golden Pot, Le Bon Bock, Luppolo 12, Mad for Beer, MastroTitta, Serpente Pub, Tree Folk’s, questa la lista dei 12 pub che presenteranno la loro selezione birraria studiata apposta per questo speciale appuntamento.

L’ingresso sarà gratuito, mentre le degustazioni saranno a pagamento. Ci sarà la possibilità di mangiare presso l’area food e il tutto sarà accompagnato da musica dal vivo. La tap list delle birre e tutti gli aggiornamenti, saranno comunicati a breve su questa pagina e sul sito ufficiale
Orari: ven 15.30-24.00 – sab 11.30-24.00
Ingresso libero, degustazioni a pagamento

lunedì 28 aprile 2014

Di Freisa in Freisa 2014

Sabato 3 e domenica 4 maggio 2014 a Chieri "DI FREISA IN FREISA, DI GUSTO IN GUSTO" 

Al via a Chieri, la quinta ed attesa edizione dell’evento “Di Freisa in Freisa, Di Gusto in Gusto”…

Organizzata e promossa dall’Associazione Go Wine in collaborazione con il Comune di Chieri, il Consorzio per la Tutela e la Valorizzazione delle D.O.C. Freisa di Chieri e Collina Torinese, la manifestazione ha l’obiettivo di promuovere ed esaltare il Freisa in tutte le denominazioni ed espressioni piemontesi: Freisa di Chieri e Pinerolese Freisa, Freisa d’Asti, Langhe Freisa, Monferrato Freisa, Colli Tortonesi Freisa.

In questa edizione l’evento si arricchisce della collaborazione di Slow Food Piemonte e Valle d’Aosta che curerà la valorizzazione dei prodotti tipici con varie iniziative, contribuendo ad accrescere il rilievo della manifestazione.

Il programma vedrà articolarsi il banco di assaggio dei vini e dei prodotti tipici nel corso delle due giornate sabato 3 maggio (orario 15-20), domenica 4 maggio (orario 11-20).

Il Banco d’assaggio sarà allestito lungo la Via Vittorio Emanuele II, centro storico della città; sarà quindi possibile degustare le diverse denominazioni di Freisa del Piemonte incontrando le aziende associate al Consorzio di Tutela del Freisa di Chieri, una pattuglia di produttori della Regione presenti direttamente nella giornata di domenica e degustare presso le sei isole del vino in cui sarà presentata una selezione di etichette divise nelle varie denominazioni che caratterizzano i diversi territori di produzione del Freisa in Piemonte.

Sono numerose le partecipazioni di aziende che hanno aderito all’evento: complessivamente oltre 50 aziende piemontesi a rappresentare una delle varietà più storiche che caratterizzano il vigneto del Piemonte; oltre 60 i vini. Un panorama che privilegia nomi storici delle denominazioni, realtà emergenti ed alcune chicche da scoprire legati a vigneron che attorno al freisa hanno lavorato anche attraverso la sperimentazione con l’Università.

Ecco l’elenco completo dei Freisa in degustazione e delle aziende presenti all'eventi! clicca qui...

Ed inoltre…

CANTINE APERTE sul territorio del Consorzio di Tutela eValorizzazione Freisa di Chieri e Collina Torinese DOC.

Le aziende da visitare:
Stefano Rossotto – Cinzano Torinese  tel 011 9608230
Balbiano Melchiorre – Andezeno tel. 011 9434044
Guido Rubatto -  Chieri tel. 011 94112018
Terre dei Santi – Castelnuovo Don Bosco tel 011 9876117
Il Girapoggio – Verrua Savoia tel. 339 2262098



ore 15.30 piazza Cavour
con la partecipazione della Filarmonica Chierese e percorso sino agli stand della Città di Chieri e del Consorzio di Tutela e Valorizzazione Freisa di Chieri e Collina Torinese DOC (piazza Umberto)

ore 9.30 -13 - Ristorante Casa Casellae (piazza V. Caselli 4)
WINE TASTING vini del Consorzio di Tutela e Valorizzazione Freisa di Chieri e Collina Torinese DOC. Riservato agli operatori di settore

Ore 15-20 Via Vittorio Emanuele IIENOTECA ITINERANTE DEI VINI FREISA DEL PIEMONTEselezione di oltre 60 etichette delle zone tipiche del Piemonte accompagnate dai tradizionali grissini Rubatà di Chieri.
Acquisto coupon degustazione (8 assaggi Freisa € 6, cauzione calice € 2) presso il punto info di piazza Umberto e di piazza Cavour  a cura dell’Associazione Go Wine. Esposizione, vendita e degustazioni delle produzioni agroalimentari del Piemonte, cibo di strada a cura di Slow Food Piemonte e Valle D’Aosta

Ore 10-20 Piazza Umberto I Spazio Gemellaggi Stand delle città gemellate: Nanoro, Adria e Tolve
ore 10-20 Via Vittorio Emanuele II  FuoridiTechLab II – Progettazione di arredo urbano con materiali di recupero Workshop continuo
Orto Mobile Piazza Cavour Ore 11-11.30 Terra e orticoltura di territorio: le varietà autoctone a cura di AgriLab
Ore 11-12.30 Visita all’Antica Vigna della Rocchetta a cura di AgriLab
Ore 15.30 – 16.15 Il terreno e il compost (i quattro elementi) a cura di Slow Food Progetto Orto n Condotta
Area laboratori Piazza Umberto I Ore 15-17 Laboratorio di cucina per grandi e piccini: rubatà e focacce dolci
a cura di PePa e Università di Scienze gastronomiche (gli apprendistati e i maestri artigiani)
Ore 17.30-18.30 Laboratorio di degustazione – Di Freisa in Freisa e le eccellenze del territorio
a cura di Consorzio del Freisa, Go Wine e Slow Food

Ore 18.30 Aperitivo alternativo presso lo stand di Slow Food e nei bar aderenti.

ore 16-19 Piazza Cavour, Piazza Umberto I, Piazzetta Meridiana Animazione Living Circus  spettacoli di arte circense e teatro di strada a cura di Cirko Vertigo.


ore 10 – 20 Via Vittorio Emanuele II esposizione, vendita e degustazione delle produzioni agroalimentari del Piemonte, cibo di strada a cura di Slow Food Piemonte e Valle d’Aosta.

Ore 11-20 Via Vittorio Emanuele II
selezione di oltre 60 etichette delle zone tipiche del Piemonte accompagnate dai tradizionali grissini Rubatà di Chieri.
Acquisto coupon degustazione (8 assaggi Freisa € 6, cauzione calice € 2) presso il punto info di piazza Umberto e di piazza Cavour  a cura dell’Associazione Go Wine. Produttori diretti di Freisa di Chieri e del Piemonte.

Via Palazzo di Città Mercato Straordinario e cura dell’Associazione Venditori Ambulanti Chieresi
Ore 10-20 Piazza Umberto I Spazio Gemellaggi Stand delle città gemellate: Nanoro, Adria e Tolve
Ore 10-20 Via Vittorio Emanuele II  FuoridiTechLab II – Progettazione di arredo urbano con materiali di recupero
Orto Mobile Piazza Cavour Ore 11-11.30 Terra e orticoltura di territorio: le varietà autoctone a cura di AgriLab
Ore 11-12.30 Visita all’Antica Vigna della Rocchetta a cura di AgriLab
Ore 15.30 – 16.15 Il terreno e il compost (i quattro elementi) a cura di Slow Food Progetto Orto n Condotta
Area laboratori Piazza Umberto I Ore 11-12.30 laboratorio di cucina: riciclo riuso e creatività a cura di PePa e Università delle Scienze gastronomiche (scuola di cucina).
Ore 15-17  Laboratorio di cucina per grandi e piccini: rubatà e focacce dolci
a cura di PePa e Università di Scienze gastronomiche (gli apprendistati e i maestri artigiani)
Ore 17.30-18.30 Laboratorio di degustazione – Di Freisa in Freisa e le eccellenze del territorio
a cura di Consorzio del Freisa, Go Wine e Slow Food
Ore 16-19 Via Vittorio Emanuele II Animazione con Danze Occitane itineranti

Ore 18.30 Aperitivo alternativo presso lo stand di Slow Food e nei bar aderenti.

ORGANIZZAZIONECittà di Chieri, Consorzio per la Tutela e la Valorizzazione delle D.O.C. Freisa di Chieri e Collina Torinese, Go Wine e Slow Food 

Consorzio del Soave: nasce la “Green Label”

Sostenibilità nel Soave: parte la "Green Label" per tutta la Doc
Da maggio tutti i produttori aderenti alla denominazione potranno richiedere l’etichetta al Consorzio, che si è fatto promotore del progetto, secondo la metodica LCA (Lyfe Cycle Assessment), in collaborazione con Sprim Italia

A partire dal prossimo maggio tutte le aziende che producono Soave potranno decidere di inserire in retro etichetta la “Green Label”, cioè l’etichetta verde che è il risultato del progetto voluto dal Consorzio del Soave e nato in collaborazione con SPRIM Italia, teso ad attestare il grado di sostenibilità del “Sistema Soave”.

Etichetta verde si propone, attraverso l’utilizzo della metodica scientifica e riconosciuta dell’LCA (Lyfe Cycle Assessment), di calcolare l’incidenza sull’ambiente di tutte le fasi lavorative all’interno della filiera vinicola, dall’impianto del vigneto fino alle ditte che producono bottiglie, dalla lavorazione in cantina alla movimentazione delle merci fino al consumatore finale.

Sono 18 i parametri presi in esame a cui corrispondo specifici valori numerici: cambiamento climatico, assottigliamento dello strato di ozono, acidificazione, eutrofizzazione acque dolci, eutrofizzazione marina, tossicità umana, formazione di ossidanti fotochimici, formazione di particolato atmosferico, ecotossicità terrestre, ecotossicità acque dolci, ecotossicità marina, radiazioni ionizzanti, occupazione suolo agricolo, occupazione suolo urbano, trasformazione suolo naturale, utilizzo di acqua, utilizzo di risorse naturali (fossili e metalli). Questi 18 parametri vengono analizzati e suddivisi dal sistema in tre classi d’analisi: aria, acqua, suoloI tre valori così ottenuti vengono a loro volta sintetizzati attraverso un algoritmo che fornisce un indicatore unico globale del grado di sostenibilità del sistema produttivo.

<<Sono numerosi oggi i sistemi di analisi relativi alla sostenibilità – spiega il direttore del Consorzio Aldo Lorenzoni -. A questo proposito noi bbiamo scelto di basarci sulla metodica LCA perché ufficialmente riconosciuta a livello internazionale. Questo studio condensa graficamente in una etichetta una lunga serie di valori che presi singolarmente non comunicherebbero nulla al consumatore generico. E’ una sfida in più per il Consorzio del Soave che si propone di divulgare il valore intrinseco di un sistema produttivo che genera reddito e qualità nel massimo rispetto dell’ambiente>>.

L’etichetta che i produttori sceglieranno di aggiungere sul retro della bottiglia è una sintesi grafica che corrisponde ad un valore medio, calcolato sulla base dei dati relativi a 1500 aziende viticole, attive su oltre 2000 ettari di vigneto. Attraverso un’intervista, precisa e puntuale, è stato chiesto all’azienda di porre l’attenzione a tutti quei processi produttivi che comportano l’utilizzo e la trasformazione di energia: i dati raccolti sono stati in seguito rielaborati attraverso la metodica LCA da parte di SPRIM Italia, azienda partner del progetto che li ha sintetizzati in un istogramma. La prima azienda che ha scelto di inserire la green label in retro etichetta è stata Cantina di Monteforte, presto seguita da altre aziende.

Da sempre il tema della sostenibilità è caro al Soave e negli anni è stata data molta attenzione alle tematiche relative all’ambiente e alla sua tutela. A tal riguardo il Consorzio del Soave ha ottenuto nel 2006 il certificato di gestione ambientale e nel 2012 il premio “Eco-friendly”, ricevuto per la pubblicazione “Il Soave tra identità e sostenibilità”; a questi premi si aggiungono numerosi altri progetti come E-CO2 che mira al recupero dell’anidride carbonica di fermentazione, risultato vincitore al concorso Italia Camp nel 2012. Adesso con la metodica LAC  e Green label(la raccolta dei dati è partita nel 2007) il Consorzio aggiunge un nuovo, importante tassello al capito sostenibilità.

domenica 27 aprile 2014

La Selezione del Sindaco 2014

In scena a Bolzano dal 30 maggio al 1 giugno 2014 "La Selezione del Sindaco 2014" delle Città del Vino
Anche per il 2014 si ripresenta “La Selezione del Sindaco” promossa dalle Città del Vino.
Assegnazione dei premi per il “Forum degli spumanti e per la “Selezione dei Vini Passiti”

I Sindaci ed i vignerons, insieme per fare da testimonial ai vini di qualità del proprio territorio. I vini iscritti al concorso concorreranno anche all’assegnazione dei premi per il “Forum degli spumanti e per la “Selezione dei Vini Passiti” con la collaborazione del Centro Nazionale Vini Passiti

È l’unica rassegna vitivinicola internazionale che prevede la partecipazione congiunta delle aziende produttrici di vino e del Comune in cui sono localizzati i vigneti. Una perfetta sinergia fra pubblico e privato: al via “La Selezione del Sindaco 2014” delle Città del vino, di scena a Bolzano dal 30 maggio al 1 giugno, con i primi cittadini ed i vignerons del Belpaese insieme per fare da testimonial ai vini di qualità del proprio territorio.

I vini iscritti al concorso concorreranno anche all’assegnazione dei premi per il “Forum degli spumanti e per la “Selezione dei Vini Passiti” con la collaborazione del Centro Nazionale Vini Passiti, che premierà i primi 10 vini passiti classificati, per i vini vinificati in argilla. In contemporanea, ci saranno anche “Biodivino”, la rassegna delle Città del Bio dedicata ai migliori vini da uve bio ed il premio “Impronte d’eccellenza. Tecniche agronomiche sostenibili per una viticoltura di valore”, di Città del Vino e Cifo, azienda leader nella produzione di prodotti per l’agricoltura.


I vini iscritti al concorso internazionale Selezione del Sindaco concorreranno, senza utleriori spese aggiuntive, anche all'assegnazione dei premi per il Forum degli spumanti (dedicato a questi particolari vini) e per la Selezione dei Vini Passiti (in collaborazione con il Centro Nazionale Vini Passiti, che premierà i primi dieci vini passiti classificati), per i vini vinificati in argilla.

Inoltre, le aziende interesate possono partecipare al Premio “Impronte d’eccellenza. Tecniche agronomiche sostenibili per una viticoltura di valore”.

Nato dalla collaborazione tra l’Associazione Nazionale Città del Vino e CIFO, azienda leader nella produzione di prodotti per l'agricoltura, il premio verrà assegnato alle aziende che conquisteranno almeno una Medaglia d’Oro al Concorso La Selezione del Sindaco e che, sulla scorta di un questionario che avranno compilato e restituito all’atto della loro iscrizione al concorso, risulteranno praticare le migliori tecniche agronomiche sostenibili.

Saranno premiati anche i rispettivi Comuni di residenza delle aziende con premi in denaro: 2.500 euro al Comune dell’azienda prima classificata, 1.000 euro al Comune dell’azienda seconda e 500 euro al Comune dell’azienda terza. Partecipare al Premio Impronte di Eccellenza non prevede ulteriori spese.

Il concorso Selezione del Sindaco è affiancato da BioDiVino, il concorso riservato a vini prodotti con uve biologiche, realizzato in collaborazione con l’Associazione Nazionale Città del Bio.

Possono partecipare a BiodiVino i vini bio presentati da tutte le tipologie di Aziende, in possesso del “certificato di conformità”, che riportino in etichetta l’assoggettamento al Reg. CE 834/07. I vini provenienti dai paesi extraeuropei devono fare riferimento alle disposizioni che regolano l’agricoltura biologica nei rispettivi paesi.

Le Aziende bio potranno scegliere di iscrivere i propri vini anche alla Selezione del Sindaco, con un minimo costo aggiuntivo.

La Selezione del Sindaco è il concorso enologico internazionale che ha come obiettivo quello di promuovere le aziende e i territori che producono vini di qualità (DOC, DOCG, IGT) in piccole partite, cioè in un quantitativo compreso tra le 1.000 e le 50.000 bottiglie.

Promotori del concorso sono l'Associazione Nazionale Città del Vino e Recevin (la Rete Europea delle Città del Vino), con il patrocinio scientifico di OIV (Organisation Internationale de la vigne et du Vin) e l’autorizzazione del Ministero per le politiche agricole.

per info:
telefono 0577 353144
fax 06 23326701

Oscar del Vino 2014

Oscar del vino 2014: tutte le nomination
Il 29 maggio si terranno gli attesissimi Oscar del Vino 2014 di Bibenda stto la guida di Franco Ricci, che guida la Fondazione Italiana Sommelier

Gli Oscar del vino sono la prestigiosa manifestazione di pubblico che premia e celebra i migliori produttori e tanti personaggi del mondo vino.

Anche quest'anno si conferma l'anima popolare della kermesse, i premi assegnati sono legati esclusivamente ai voti dei tanti lettori di BIBENDA, la Guida ai Vini e i migliori Ristoranti d’Italia. Si vota proprio su Tutti possono esprimere la loro opinione tra le nomination proposte.

Ecco la rosa completa di stelle del mondo del vino che sono candidate a ricevere i prestigioso premio

Alto Adige Terlano Chardonnay 2000 - Cantina Terlano – Terlano (Bolzano)
Batar 2011 – Querciabella – Greve in Chianti (Firenze)
Vignamare 2010 – Lupi – Pieve di Teco - Imperia

Barolo Riserva 2006 – Borgogno – Barolo (Cuneo)
Luce 2010 – Frescobaldi – Montalcino (Siena)
Monteverro 2010 – Monteverro – Capalbio (Grosseto)

Costa d’Amalfi Tramonti Rosato Getis 2012 – Reale – Tramonti (Salerno)
Grayasusi Etichetta Argento 2012 – Ceraudo – Strongoli (Crotone)
Rosato 2012 - Fietri – Gaiole in Chianti (Siena)

Franciacorta Extra Brut Cuvée Lucrezia Et. Nera 2004 – Castello Bonomi – Coccaglio (Brescia)
Metodo Classico Brut Rosé Riserva 2008 – Costaripa – Moniga del Garda (Brescia)
Trento Brut 51,151 – Moser - Trento

Cinque Terre Sciacchetrà Tramonti 2006 – Riccardo Arrigoni – La Spezia
Colli Orientali del Friuli Bianco Passito Noans 2011 - La Tunella – Ipplis di Premariacco (Udine)
Malvasia delle Lipari Passito Selezione Carlo Hauner 2010 – Hauner – Salina (Messina)

Giallo d’Arles 2011 – Quintodecimo – Mirabella Eclano (Avellino)
Orvieto Classico Superiore Luigi e Giovanna 2010 – Barberani – Orvieto (Terni)
Visellio 2011 - Tenute Rubino - Brindisi

Colli Bolognesi Classico Pignoletto Vigna Antica 2012 – Tenuta Bonzara – Monte San Pietro (Bologna) - EURO 9
Etna Rosso Barbazzale 2012 – Cottanera – Castiglione di Sicilia (Catania) - EURO 9
Rosso di Montalcino Poggio Alle Mura 2011 – Castello Banfi – Montalcino (Siena) - EURO 15

Bertani con il vino Amarone della Valpolicella Classico 2006 – Grezzana – Verona
Falchini con il vino Vernaccia di San Gimignano Vigna a Solatìo Riserva 2010 – San Gimignano (Siena)
Florio con il vino Marsala Superiore Semisecco Ambra Donna Franca Riserva – Marsala - Trapani

Olio Extravergine di Oliva Cultivar Itrana - Lucia Iannotta - Sonnino - Latina

Olio Extravergine di Oliva Monocultivar Moraiolo Il Notturno di San Francesco - Ciarletti - Trevi – Perugia
Olio Extravergine di Oliva Toscano Colline di Firenze Biologico - Agricola Buonamici - Fiesole - Firenze

Grappa Barrique Solera di Solera - Distilleria Segnana Fratelli Lunelli - Ravina – Trento
Grappa Fuoriclasse Leon Riserva Barrique 14 Anni - Distilleria Roberto Castagner - Visnà di Vazzola – Treviso
Grappa Koralis Riserva Barrique 24 Mesi - Distilleria G. Bertagnolli - Mezzocorona - Trento

La Notte delle Stelle vedrà inoltre l’assegnazione degli Oscar alle seguenti Categorie:

Miglior Produttore di Grappa
Migliore Enologo
Miglior Ristorante
Migliore Enoteca
Miglior Scrittore
Migliore Innovazione Nel Vino
Migliore Addetto Commerciale
Premio Speciale della Giuria

Vinissage 2014

Vinissage 2014, vignaioli e vini biologici, biodinamici e naturali
Dal 24 a lunedì 26 Maggio Asti ospita Vinissage 2014: una nutrita vetrina di vignaioli che lavorano per produrre il vino in maniera naturale

Organizzata dal Comune di Asti in collaborazione con l’Associazione Officina Enoica, Vinissage è il mercato dei vini biologici e biodinamici.

Presso Palazzo dell'Enofila andrà in scena la viticultura consapevole ed incontrerà operatori del settore, giornalisti e consumatori.

L’iniziativa vuole promuovere i piccoli produttori artigianali provenienti da varie regioni italiane che si impegnano a produrre senza chimica in vigna ed in cantina.
All'evento saranno presenti anche produttori ed artigiani di altri prodotti gastronomici: pane, dolci, conserve, confetture da agricoltura biologica e biodinamica.

“L’agricoltura biologica è un’agricoltura che si fa rispettando i cicli naturali del terreno e della natura, non è solo l’assenza dell’uso di concimi e prodotti chimici di sintesi. Nell’agricoltura biologica si coltiva il terreno, non la pianta in sé.” Afferma Andrea Cerrato, assessore Agricoltura, Turismo, Sviluppo economico del comune di Asti
(...) il Comune di Asti sempre più crede in Vinisagge, non solo più come ad una mostra mercato dedicata al vino biologico e biodinamico, ma come un evento culturale".

Ecco alcuni interessanti appuntamenti:

-un aperitivo in musica il sabato sera,
-un momento di confronto ed approfondimento tecnico con il convegno dedicato alla Flavescenza Dorata in viticoltura biologica, una malattia estremamente pericolosa che ha effetti devastanti per i vigneti. Il convegno sarà organizzato con il supporto di AIAB.

Appassionati, operatori, golosi e curiosi sono quindi invitati a lasciarsi sedurre e coinvolgere dalle storie di passione, cura e dedizione con cui le materie esposte sono state prodotte e lavorate dai numerosi artigiani del gusto presenti alla manifestazione.


Sabato 24 maggio, dalle h 15.30 alle h 21.00
Domenica 25 Maggio, dalle h 11 alle h 20
Lunedì 26 Maggio, dalle h 10.30 alle h 14, solo per operatori

Ad Asti, Centro Congressi dell’Enofila, Felice Cavallotti 45/47
Palazzo dell’Enofila è un sito industriale di fine Ottocento recentemente riconvertito a Polo Fieristico.

Ingresso unico 5,00 € (calice e degustazioni inclusi).
Ingresso gratuito per gli iscritti alle associazioni di categoria (ONAV, AIS, FISAR, etc e giornalisti iscritti all’albo).

Anteprima Vini della Costa Toscana

Anteprima Vini della Costa Toscana 2014: 10 e 11 maggio a Lucca
A Lucca la Toscana del vino mostra le sue facce più inconsuete: vini dalle Apuane fino alla Maremma. Ad Anteprima vini Toscana si costeggia il litorale per conoscere "piccole produzioni e grandi tenute, storie appena abbozzate e radici robuste e lontane nel tempo che, basta percorrerle fino all'origine per accorgersene, hanno segnato la fortuna mondiale della produzione enologica toscana"

Anteprima Vini della Costa Toscana è il consolidato appuntamento annuale, organizzato dall'associazione Grandi Cru della Costa Toscana che permette di conoscere circa 80 produttori tra le province di Grosseto, Livorno, Pisa, Lucca e Massa Carrara per un totale di oltre 400 etichette.

I vini della manifestazione si incontrano con eventi culinari degni: piatti preparati da chef stellati, spaziando tra incontri culturali a tema, laboratori del gusto e assaggi gastronomici locali:
-show-cooking “Andata e ritorno: chef toscani nel mondo, chef del mondo in Toscana” - che vedranno esibirsi ai fornelli grandi nomi della ristorazione regionale e neazionale, come Igles Corelli, Loretta Fanella, Cesare Casella, Enrico Bartolini, Michele Martinelli e Valentino Cassanelli,
-area ospiti stranieri quest'anno con i vini del Cammino di Santiago, la Galizia e i suoi quasi cento vitigni autoctoni. Oltre a una ricca mostra-mercato con artigiani alimentari di qualità e all'enoteca interna per acquistare le bottiglie preferite, c'è un nutrito programma di degustazioni guidate da esperti del settore.
laboratori spazieranno dalla Spagna “celtica e oceanica” ai vini che hanno fatto la storia della costa passando attraverso la musica d’autore (SwingWine: un concerto-laboratorio tra vino e musica dal vivo) per un finale effervescente con una “Verticale” di Franciacorta.

Eppure l'inusuale caratteristica dell'anticipazione rende l'evento del tutto unico e originale: ad Anteprima Vini si assaggiano e si valutano i vini giovani, spillati dalle botti. Per questa edizione è di scena la vendemmia 2013 che, dopo l'affinamento in botte prima e in bottiglia poi, darà vita, con il giusto invecchiamento, a prodotti eccellenti. Oppure si degustano campioni di intere annate aspettando che escano sul mercato, deliziandosi a fare pronostici in vista, tra qualche anno, della definitiva maturazione. E nel gioco degli abbinamenti tra piatti magistralmente eseguiti e bicchieri dal gusto rotondo, ci si potrà muovere da una sala all'altra alla ricerca di prodotti raffinati e ricercati o dell'etichetta nota.

Quest'anno l'apertura è affidata a Oliviero Toscani, nella duplice veste di produttore e fotografo, che il sabato mattina (10 maggio) presenterà il libro dedicato ai produttori della Costa Toscana. “I sessantacinque grandi dei Cru della Costa Toscana”, questo il titolo: un racconto di parole, tracciate dal giornalista Francesco Merlo con la prefazione di Salvatore Settis, e di fotografie, scattate proprio da Toscani. Sul ring si discute di Italia, vino, tradizione toscana e prodotti del territorio, mentre nel percorso di degustazione c'è il meglio dell'enogastronomia.

Anteprima Vini della Costa Toscana si tiene al Real Collegio, in piazza del Collegio – Lucca,
sabato 10 e domenica 11 maggio
Orario: sabato dalle 12 alle 23; domenica dalle 11 alle 20.
Il costo di ingresso – comprensivo dell'assaggio di tutti i vini - è di 20 euro, di 15 per soci Ais, Fisar, Onav e Slow Food, gratuito per gli operatori di settore (enoteche, ristoranti, wine-bar, distributori, agenti, importatori) previa consegna di biglietto da visita. 

mercoledì 23 aprile 2014

Navelli "Naturale"

Naturale: fiera del vino artigianale in Abruzzo
Tradizione e produzione artigianale si sposano nella seconda edizione di “NATURALE” , Fiera del vino che si terrà sabato 11, domenica 12 e lunedì 13 maggio presso Palazzo Santucci a Navelli (AQ), su iniziativa dell’associazione aquilana DinamicheBio, in collaborazione con l’Amministrazione Comunale

Naturale è la prima fiera del vino artigianale in Abruzzo. E' un viaggio nel mondo del vino, fatto di assaggi liberi, degustazioni guidate e conferenze. E' una rassegna di grandi vini, unici come le annate, i territori e i vignaioli che li producono. E' un incontro tra persone, occasione di socialità, una festa che accoglie tutti. E' uno stimolo alla riflessione sulla cultura alimentare e del consumo dei nostri giorni. E' un tributo alla figura del vignaiolo-contadino, ultimo custode degli equilibri naturali e produttore del cibo. E' il piacere della riscoperta di tradizioni antiche, sapori e profumi dimenticati.

Oltre alla libera degustazione di centinaia di grandi vini, provenienti da tutta Italia e dall’estero, i visitatori potranno scegliere di partecipare a degustazioni guidate, seminari di approfondimento condotti da vignaioli, conferenze e appuntamenti serali.

Ad offrire i loro prodotti in degustazione, saranno oltre 50 tra aziende vitivinicole, consorzi di produttori, distributori e selezionatori, scelti con cura tra quanti operano nel pieno rispetto del ciclo biologico in vigna e riducono al minimo l’intervento umano in cantina, assecondando con sapienza artigiana il naturale percorso evolutivo della materia prima e l’integrità di un prodotto che esprima appieno il territorio in cui nasce.

Assieme ai vini, saranno presenti prodotti gastronomici di eccellenza, espressione della tradizione abruzzese ma non solo.

Data e luogo dell’evento:
Sabato 10 maggio
Domenica 11 maggio
Palazzo Santucci - Via Municipio, 31 – Navelli (AQ)

Le aziende:
Fiera del vino artigianale

Informazioni e prenotazioni:
Naturale: fiera del vino artigianale

"Albana Dei"

Venerdì 2 e Domenica 4 maggio al via "Albana Dei". Nell'ambito del progetto South of Europe – Mediterranean Wines un week-end tra nuovi stili e sapori antichi 
L'Albana il vitigno bianco simbolo della Romagna. L'antica Albus, uva chiara considerata dai latini la migliore delle uve bianche sarà la protagonista indiscussa di Albana Dei, in un weekend si confronteranno vecchi e nuovi stili giudicati da un comitato di esperti e da una giuria popolare

Venerdì 2 maggio, tra le 15 e le 19, una giuria di esperti di livello internazionale si riunirà ala Rocca Sforzesca di Dozza, sede dell’Enoteca Regionale dell’Emilia Romagna, per esaminare circa 60 Albana secchi, prodotti dalle aziende rappresentative dell'intera produzione della DOCG.

Tre le categorie per cui saranno premiati, per ognuna delle quali la giuria selezionerà tre vini: Albana all'antica, per i vini prodotti con tecniche enologiche più rustiche e frutto di macerazioni spinte; Albana moderna, per i vini prodotti con tecniche e metodologie moderne, destinati ai mercati internazionali e Albana del cuore, premio speciale per i vini che hanno particolarmente colpito i giudici, pur non rientrando nelle altre due categorie.

I nove vini indicati dalla giuria tecnica passeranno quindi al vaglio della giuria popolare domenica 4 maggio. Contemporaneamente sia alla Rocca di Dozza che in Piazza Carducci a Brisighella (Ravenna) dove verrà allestito un banco d'assaggio. Sarà quindi il verdetto popolare a stabilire il vino vincitore assoluto per ciascuna tipologia.

L'evento è organizzato nell'ambito di “Wines from the south of Europe – Mediterranean Wines”, programma europeo per la promozione dello “Stile Mediterraneo” nel consumo di vino. Il progetto, promosso dall'Enoteca Regionale dell'Emilia Romagna insieme a partner greci e bulgari, punta a diffondere un consumo più consapevole del vino anche attraverso l'accrescimento culturale del consumatore e l'avvicinamento a varietà autoctone e tipiche del territorio come appunto l'Albana di Romagna. La riscoperta della vera anima del vino, come si può seguire sui profili Wine soul attivati su Facebook, Twitter e Google+.