venerdì 19 agosto 2016

Consorzio del Vino Nobile presenta: "A Tavola con il Nobile 2016"

A Tavola con il Nobile: a Montepulciano contrade ai fornelli
Il 20 al 21 agosto la quattordicesima edizione del premio enogastronomico con l’obiettivo di recuperare ricette della tradizione in abbinamento al vino “di casa”: il Nobile di Montepulciano.

Le otto contrade del Bravìo delle Botti impegnate ai fornelli sul tema della Selvaggina. In quattordici anni grazie al concorso si sono recuperato centinaia di ricette. Così da sabato 20 a domenica 21 agosto le contrade del Bravìo delle Botti si sfidano ai fornelli in attesa della corsa (quest’anno il 28 agosto) con il concorso A tavola con il Nobile.

A Tavola con il Nobile è promosso dal Consorzio del Vino Nobile in collaborazione con il Magistrato delle Contrade. Quattordici edizioni scandite da centinaia di ricette realizzate dalle contrade. Nato 14 anni fa da una intuizione del Consorzio del Vino Nobile e del giornalista inviato del Tg2 e conduttore della fortunata rubrica “Eat Parade” Bruno Gambacorta con l’obiettivo di recuperare ricette della tradizione in abbinamento al vino “di casa”, il Nobile di Montepulciano. 

In quattordici anni di “A Tavola con il Nobile” sono state proposte oltre 210 ricette della tradizione, sono stati pubblicati sei libri che le raccolgono, tra cui quello per il decennale, del 2012, con tutte le ricette delle passate edizioni. La manifestazione è anche un importante veicolo di promozione per il territorio con oltre 800 articoli, servizi televisivi e reportage sul premio scritti anche dai circa 200 giornalisti da tutto il mondo che nelle varie edizioni si sono succeduti come giurati del premio.

L’obiettivo che dovranno centrare le contrade sarà quello di sposare al meglio il Vino Nobile con il piatto proposto per questa edizione. Dopo l’esperienza dei “pici”, della “nana” (anatra), della carne di cinta senese e delle verdure dell’orto, quest’anno le contrade si dovranno cimentare in secondi piatti a base di selvaggina, il tutto rispettando la tradizione gastronomica locale. In occasione di sabato 20 agosto con la prima sessione di degustazioni, le cucine delle contrade apriranno le porte anche al pubblico e da lunedì prossimo il piatto in gara potrà essere degustato da tutti durante le cene in programma.