venerdì 11 novembre 2016

Il consumatore moderno sceglie lo spumante alternativo

Nove consumatori su dieci sono disposti ad acquistare uno spumante "alternativo" e c’è anche chi è disponibile a pagarlo di più rispetto alle altre bollicine. Zona di produzione circoscritta, appartenenza ad una doc, vitigno autoctono sono i tre requisiti richiesti. 

Nove consumatori su dieci si dicono disposti ad acquistare uno spumante "alternativo" e di questi il 76% è disponibile a pagarlo di più rispetto alle altre bollicine. Zona di produzione circoscritta, appartenenza ad una doc, vitigno autoctono sono i tre requisiti richiesti. 

Questo quanto emerso dall'ultima indagine di Wine Monitor, curata dalla società di studi economici Nomisma e commissionata dal Consorzio di Tutela del Lessini Durello al fine di identificare il consumatore tipo dello spumante berico-scaligero.

Nell’ambito del Durello&Friends, il festival delle bollicine di Verona e Vicenza, che quest'anno si è tenuto a Roma, all'hotel A. Roma di via Zoega, Denis Pantini ha presentato alla stampa i risultati di un indagine di Wine Monitor sui consumatori di vini spumanti commissionata dal Consorzio di Tutela del Lessini Durello

L’indagine, svolta su un campione di circa 1.000 consumatori di vino in età compresa tra 18 e 65 anni attraverso la somministrazione di un questionario a prevalente risposta chiusa tramite metodologia CAWI, ha confermato che ancora pochi italiani (2 su 10) conoscono il Durello, che però gode di spazi di mercato e prospettive di crescita assolutamente uniche in quanto spumante alternativo.

Tre secondo i consumatori intervistati sono le caratteristiche che uno spumante deve avere per definirsi “alternativo”, ovvero zona di produzione circoscritta, appartenenza ad una Denominazione e produzione da vitigni autoctoni. La diffusione limitata e la scarsa riconoscibilità del marchio non risultano, invece, discriminanti e possono trasformarsi in un valore aggiunto.

Alla luce di quanto emerso dall’indagine di Wine Monitor, si può dunque affermare che il Lessini Durello gode oggi di uno scenario di mercato favorevole, a cui contribuisce certamente anche lo “sdoganamento” dello spumante, che da vino delle occasioni particolari sta assumendo sempre più i connotati di un vino adatto a tutte le stagioni e ai diversi momenti della giornata, dall'aperitivo a tutto pasto.

Una tendenza, quest’ultima, che si sta consolidando sia in Italia che all’estero e che ha permesso al nostro paese di diventare il primo esportatore mondiale di vini sparkling, arrivando oggi a pesare per il 40% nei volumi di tutti gli spumanti commercializzati nel mondo.

Lo studio, voluto dal Consorzio per comprendere meglio il fenomeno degli spumanti di territorio e per tratteggiare il profilo di questo specifico consumatore, prosegue di fatto un ampio lavoro di analisi svolto tre anni fa, in collaborazione con AIS, e focalizzato invece sulla figura del sommelier.