giovedì 27 aprile 2017

Tutta la tipicità territoriale dei grandi vini della Costa Toscana

Al via Anteprima Vini della Costa Toscana. Il meglio dei vini nati a un passo dal mar Tirreno si dà appuntamento, sabato 6 e domenica 7 maggio, nelle magnifiche sale e suggestivi chiostri del Real Collegio di Lucca. Tra grandi cru, eccellenze gastronomiche, letteratura, musica e botanica. Ecco il programma.

Oltre 600 etichette di 110 produttori toscani e 6 vignaioli della Languedoc Roussillon francese, ospite di questa edizione. Sette laboratori e una Masterclass: sabato 6 e domenica 7 maggio, le sale e i chiostri del Real Collegio di Lucca ospitano la 16esima edizione di «Anteprima Vini della Costa Toscana», kermesse ideata dall'Associazione Grandi Cru della Costa Toscana, prodotta in partnership con la Event Service Tuscany, dedicata alle produzioni enoiche realizzate tra le province di Massa Carrara, Lucca, Pisa, Livorno e Grosseto.

Un risultato che conferma la crescita costante di una manifestazione che in soli due giorni permette di scoprire, degustare, acquistare oltre 600 etichette, di partecipare a laboratori con verticali esclusive e masterclass uniche, nonché di conoscere in presa diretta le storie di tanti produttori che hanno scelto la Costa Toscana per dar vita a vini di decisa tipicità territoriale.

Sarà un viaggio nella Toscana del vino meno ovvia e conosciuta, alla scoperta dei vini, frutto del sole e del mar Tirreno, che provengono da territori compresi tra cinque province: Massa Carrara, Lucca, Pisa, Livorno, Grosseto. Una vasta area a forte vocazione vitivinicola che beneficia dell’influenza del mare e favorisce la molteplicità di cru peculiari perché frutto di un’infinita varietà di terre, di altitudini, di vitigni e di storie di uomini. Ed è proprio questa la cifra distintiva della manifestazione: ogni vino è raccontato in prima persona da chi lo produce, dal vigneto alla raccolta, dalla lavorazione fino alla commercializzazione. In altre parole, da chi è insieme imprenditore e lavoratore e ci mette la faccia. 

Primo appuntamento, sabato alle ore 12.30, con il primo dei tre laboratori «Anteprima Vini 10 anni dopo: La Vendemmia 2007», in cui sarà possibile incontrare i vini dell’annata 2007 illustrati dalla sapiente guida del giornalista Richard Baudains. In particolare, saranno proposti in assaggio, suddivisi nei tre appuntamenti (sabato alle ore 12.30 e alle ore 18.30 e domenica alle ore 12.30), i vini Caiarossa (Caiarossa), Arnione (Campo alla Sughera), Lombrone (Collemassari), Grattamacco Rosso (Collemassari – Grattamacco), Nero della Spinosa (Fattoria Colleverde), Cabernet (Fattoria di Montechiari), Esse (Fattoria La Torre), Vis Vitae (Giardini Ripadiversilia), Dulcamara (I Giusti & Zanza), Poggio Bestiale (La Fattoria di Magliano), I Castagni (Michele Satta), Avvoltore (Moris Farms), Casalvecchio (Pagani de Marchi), Sabiniano (Podere La Chiesa), La Regola (Podere La Regola), Sapaio (Podere Sapaio), Sesà (Poggio Foco), San Lorenzo (Sassotondo), Il Fortino (Tenuta del Buonamico), Nambrot (Tenuta di Ghizzano), Tenuta di Valgiano (Tenuta di Valgiano), Marsiliana (Tenuta Marsiliana), Poggio de’ Paoli (Tenuta Lenzini), Fattoria Bernicchi (Tenuta Maria Teresa), OT (Oliviero Toscani).
Il laboratorio è aperto a tutti fino a esaurimento posti, previa iscrizione obbligatoria, al costo di 15 euro.

Alle ore 14.30 di sabato si continua con il laboratorio «Metodo classico, tra Franciacorta e Costa Toscana» con la conduzione del wine consultant Bernardo Conticelli che racconterà le specificità delle bollicine della costa, portando gli assaggiatori alla scoperta delle etichette Donna Catherine (Fattoria di Montechiari), Vino Spumante Brut (Podere La Regola), Michele Satta Spumante (Michele Satta), Cuordicru (Diegale), L’Erede Brut (Cupelli), Il Segreto Rosé Brut (Tenuta Mariani) e Il Bruvè (Usiglian del Vescovo), con un’incursione nelle colline bresciane degustando due etichette della Franciacorta.

E sempre sabato, alle 16.30, con Ernesto Gentili, curatore della Guida I Vini d'Italia dell'Espresso, tutti pronti a varcare i confini della costa toscana per assaporare le migliori annate del grande «Galatrona di Petrolo», vino nato a cavallo tra le zone del Chianti aretino e del Valdarno, famoso in tutto il mondo per la sua straordinaria eleganza.
Entrambi i laboratori hanno un costo 25 euro, posti limitati, iscrizione obbligatoria.

Domenica, dopo il terzo e ultimo Laboratorio dedicato alla Vendemmia 2007 in programma alle 12,30, apre alle 14,30 l’esclusiva Masterclass «Ora da Re. Un vino ritrovato», degustazione condotta da Andrea Bonini, direttore del Seminario Permanente Luigi Veronelli, con la partecipazione del produttore Piermario Meletti Cavallari e del distributore Piero Cucchi, dedicata alle tre differenti botti del vino riscoperto nel 1985 da Meletti Cavallari. Vino che ha suscitato l’entusiasmo del grande maestro, primo giornalista enogastronomico d’Italia e fondatore dell’omonimo Seminario Permanente, Luigi Veronelli, che scriveva: “Frutto di uve che non conosco, della vicina località Sperlinga, s’offre – dopo 50 anni di meditazione – uguale e diverso (da botte a botte) in un modo che non esito a definire superbo… colore tonaco di monaco, sfatto e tuttavia caldo e brillante; bouquet ampio, sertio e fitto in cui si sottolinea il sentore di sommacco; sapore secco, sicuro e autoritario, certo vecchio, altrettanto nobile e affascinante; nerbo deciso in stoffa di eccezionale rigore ed estrema persistenza; pieno carattere e razza.” Un vino, dunque, rarissimo ed eterno eppure ancora oggi estremamente attuale.
L’iscrizione è obbligatoria, il costo è di 35 euro.

Si prosegue con «La verticale di Costa: Avvoltore di Moris Farms», alle 16,30, un percorso enoico lungo 10 annate (1998, 1999, 2000, 2001, 2003, 2004, 2007, 2009, 2010, 2011) con la conduzione del presidente Onav, Vito Intini, per attraversare 20 anni di storia di un grande vino della costa toscana che fin nel nome ricorda la terra d’origine, ispirandosi al Falco della Maremma, rapace che vola spesso su queste vigne.

Infine, a chiudere la due giorni, il laboratorio «Invecchiare bene», passeggiata tra i bianchi di Costa Toscana della Vendemmia 2007, alle 18,30. Anche in questo caso è richiesta la prenotazione dato il numero limitato di posti.

Alcuni laboratori potranno subire delle leggere variazioni orarie.

Le aziende che parteciperanno ad Anteprima:

SOCI ASSOCIAZIONE GRANDI CRU: Az. Bertazzoli, Cantine Belmesseri, Fattoria Ruschi Noceti, Terenzuola, Colle delle 100 Bottiglie, Colle di Bordocheo, Fattoria Colleverde,Fattoria di Fubbiano, Fattoria di Montechiari, Fattoria La Torre, Fattoria Sardi Giustiniani, Fuso Carmignani (solo en primeur), Giardini Ripadiversilia, Pieve di Santo Stefano, Tenuta del Buonamico, Tenuta Lenzini,Tenuta Maria Teresa, Tenuta di Valgiano Valle del Sole, Villa Santo Stefano, Badia di Morrona, Caiarossa, Colline di Sopra, Fattoria Varamista, I Giusti & Zanza Vigneti, Marchesi Ginori Lisci, OT Wine, Pagani de Marchi, Podere La Chiesa, Podere La Regola, Podere Marcampo, Podere Morazzano, Tenuta di Ghizzano, Tenuta Podernovo, Tenuta Prima Pietra, Usiglian del Vescovo, Argentiera, Az. Cecilia, Campo alla Sughera, Castello di Bolgheri, Collemassari – Grattamacco, Fattoria delle Ripalte, Giorgio Meletti Cavallari (LI) (solo en primeur e “in commercio”), Michele Satta, Petra, Podere Sapaio, Tenuta Campo al Mare, Tenuta Poggio Rosso, Tenuta San Guido, Collemassari, Collemassari – Montecucco, Diegale, Fattoria di Magliano, Fattoria Le Pupille, L’Apparita, Moris Farms, Poggio Foco, Sassotondo, Simona Ceccherini e Tenuta Marsiliana.

NON SOCI: Az. Agrisole, Az. Pascale, Monastero dei Frati Bianchi, Vini Apuani Castagnini Roberto, Fattoria del Teso, La Badiola, Tenuta dello Scompiglio, Tenuta Mariani, Cupelli, Fattoria Poggio Gagliardo, Torre a Cenaia, Sator, Az. Arrighi, Az. Agricola Ceralti, Eucaliptus, Az. Agricola Petricci e Del Pianta az. Agricola, Az. Rigoli, Monte Solaio, Terre del Marchesato, Az. Agr. Benvenuti, Az. Agr. Roccapesta, Cantina Vignaioli Morellino di Scansano, Castello di Vicarello, Poggio La Luna, Serraiola, Stile di Vino, Tenuta La Badiola, Val delle Rose. Az. Agr. Col di Bacche, Az. Poggiopaoli.

AREA FIVI: Az. Agr. Canneta, Az Agr. Castel del Piano, Az. Agr. Fabio Motta, Az. Agr. Podere La Madia, Az. Muralia, Fattoria di Poggiopiano, Fattoria Majnoni Guicciardini, La Salceta, Le Cinciole Soc. Agr., Mulini di Segalari, Palazzo di Piero Soc. Agr., Pietro Beconcini, Pieve de’ Pitti, Podere dell’Anselmo, Podere Guado al Melo, Podere Riparbella, Società Agricola Casa Sola, Società La Querce, Soc. Agr. Castaldi, Morandi Wines.

Anteprima non è solo vino. Anche in questa edizione il programma si allarga e si confronta con altri ambiti, dal cibo, alla letteratura, alla botanica, fino alla musica.

La “contaminazione” vino-cibo a cura della gastronomia Il Cuore interpreta il cibo di strada, puntando sull’autenticità della materia prima e riproponendo piatti della nostra grande tradizione

- la pappa al pomodoro, la “ciccia”, la farinata - che possono essere degustati senza il supporto del desco e dell’apparecchiatura.

Per la contaminazione vino-letteraturata il direttore del Puccini Museum, Massimo Marsili, in collaborazione con Maria Pacini Fazzi Editore, ripropone al pubblico la lettura di alcuni brani del libro Cipresso e vite di Lorenzo Viani.

La partnership con l’Orto Botanico ravviva il legame tra il Real Collegio, sede dell’Università e oggi
sede di Anteprima, che sollecitò nel 1813 la costituzione di un Orto Botanico. Proprio qui oggi sono
ospitate le viti antiche del territorio lucchese.

In questo spirito di apertura alle diverse arti, si rinnova la collaborazione con Lucca Classica, il festival musicale che, sempre nella prima settimana di maggio, invade il centro storico della città
toscana con un ricco programma di concerti, che organizzerà ben quattro appuntamenti musicali nel chiostro del Real Collegio, sede di Anteprima.

XVI Anteprima Vini della Costa Toscana
Lucca, Real Collegio
Sabato 6 e domenica 7 maggio 2017

ORARI

dalle 12 alle 21. Apertura banchi dei produttori

dalle 10 alle 17. Apertura sala stampa e degustazioni en primeur

INGRESSI

Acquisto del biglietto online e nei punti vendita autorizzati.
A pagamento: 25,00 € Intero. 20,00 € Ridotto (Soci Ais, Fisar, Onav, ASPI, Slow Food, Studenti di Enologia, Ordine degli Architetti di Lucca, visitatori con biglietto di Lucca Classica o del Giardino Botanico).

Gratuità (previa registrazione online) riservata a: titolari di ristoranti ed enoteche, sommelier professionisti, importatori, distributori, broker, agenti del settore vino, produttori di vino, enologi e agronomi viticoli professionisti, giornalisti.