lunedì 7 maggio 2018

Viticoltura Eroica, si è svolto a Tenerife il sesto Congresso internazionale della viticoltura di montagna e in forte pendenza

Organizzato dal Centro di Ricerca, Studi, Salvaguardia, Coordinamento e Valorizzazione per la Viticoltura Montana (CERVIM), con il sostegno del governo delle Isole Canarie e il patrocinio dell'OIV, il congresso sul tema "La viticoltura eroica: dall'uva al vino attraverso la sostenibilità e la qualità" ha visto la partecipazione dei rappresentanti di una quindicina di paesi diversi



Durante le quattro le sessioni tecniche si è parlato di meccanizzazione e viticoltura di precisione nei vigneti in forte pendenza; esempi di viticoltura eroica, loro sostenibilità ed elementi identitari dei paesaggi; pratiche enologiche per la valorizzazione della viticoltura eroica; la biodiversità quale fattore di valorizzazione della viticoltura eroica. Inoltre si sono tenute una ventina di presentazioni orali e sono stati esposti circa trenta poster.

Il ruolo eminente nell'ordinamento del territorio

Nel corso di una tavola rotonda dedicata alle prospettive della viticoltura di montagna e in forte pendenza, il direttore generale dell'OIV ha sottolineato il ruolo fondamentale di questa viticoltura in termini di ordinamento del territorio. Queste vigne, infatti, non solo sostengono l'attività economica in regioni difficili, ma modellano anche i paesaggi in maniera eccezionale.

La "viticoltura eroica" ha saputo trasformare i suoi limiti (pendenza, clima, ecc.) in punti di forza grazie alla valorizzazione delle varietà autoctone, che producono vini caratterizzati da grande diversità e forte tipicità.

I vari relatori si sono trovati d'accordo circa la necessità di supportare lo sviluppo di questo tipo di viticoltura mediante politiche pubbliche mirate.

CERVIM: la tutela e la promozione su scala internazionale della viticoltura di montagna

Il direttore generale dell' Oiv Jean-Marie Aurand si è congratulato per il ruolo del CERVIM nella tutela e nella promozione su scala internazionale della viticoltura di montagna, in forte pendenza e delle piccole isole. In tal senso, ha voluto esaltare l'impegno del presidente Roberto Gaudio, in qualità di portavoce al servizio della tutela e dello sviluppo della viticoltura di montagna e in forte pendenza.

Alla conclusione del congresso sono state organizzate diverse visite tecniche alla scoperta dei vigneti dell'isola di Tenerife, che conta non meno di 5 denominazioni di origine protetta distribuite su oltre 8.000 ettari.


Il CERVIM è un'organizzazione internazionale che si occupa specificamente della promozione e della salvaguardia della viticoltura eroica.

Il Comitato tecnico scientifico del Centro ha definito i criteri che caratterizzano la viticoltura che rappresenta:

pendenza del terreno superiore al 30%,

altitudine superiore ai 500 metri sul livello del mare,

sistemi viticoli su terrazze e gradoni,

viticoltura delle piccole isole.

Il Centro, che ha sede in Valle d'Aosta (Italia), opera da sempre a sostegno della viticoltura montana, in forte pendenza e delle piccole isole. Le sue finalità vengono perseguite organizzando congressi e partecipando alle iniziative del settore, sia a livello nazionale che internazionale.